Privacy Policy
Pages Menu
Facebook
Categories Menu

Storia della Parrocchia SS. Pietro e Paolo Apostoli

In origine
Nel 1852 viene costruito il primo nucleo parrocchiale, come succursale della parrocchia B.V. delle Grazie della Crocetta, sotto il nome di SS. Salvatore. Il culto si svolge, infatti, nella secentesca Chiesa di San Salvario, dedicata al Salvatore, Cristo Risorto nell’affresco centrale del soffitto, all’attuale n° 18 di Via Nizza, incorporata nella Casa delle Figlie della Carità di San Vincenzo.

Nel 1859 il cavalier Carlo Occelletti, avvocato e poi sacerdote salesiano, prevede la fondazione dell’oratorio San Giuseppe, in Via Saluzzo angolo Via Giacosa, affidandolo alla paterna cura di Don Bosco: la parrocchia si orienta così alla sua prossima attività, specie a favore dei giovani e delle famiglie.

La nuova Parrocchia
La costruzione di una nuova rete viaria, destinata ad una rapida espansione edilizia dell’area, e della stazione di Porta Nuova , che si è frapposta tra la chiesa della Crocetta e la succursale, spingono alla costruzione di una nuova parrocchia in largo Saluzzo, intitolata ai Santi Pietro e Paolo Apostoli .

Iniziatore e Parroco è il teologo Maurizio Arpino, già vice curato in SS. Salvatore, il quale riceve in dono il terreno dal cav. Giuseppe Gabotto con il socio G. Givasio (ricordati nella lapide affissa nell’ atrio dell’entrata laterale sinistra della chiesa) . Il 12 giugno 1863, viene posata la prima pietra della chiesa, edificata con sostanzioso contributo della popolazione, e consacrata il 12 novembre 1865.